logotype Castello di Petroia
inviaci una richiesta LiveZilla Live Chat Software prenota online

 Il Castello di Petroia 

 

A metà percorso della strada antica che da Perugia porta a Gubbio, si staglia all’orizzonte la severa e maestosa mole del Castello di Petroia. Un viale tra boschi e prati conduce ad un grande cancello oltre il quale si apre Petroia.

Tre edifici formano il feudo: La Torre con il suo Mastio fortificato (l’edificio più antico del complesso) il Castellare Maggiore (dove si trovano le sale più antiche e alcune camere) ed il Castellare Minore (edificio in cui soggiornavano i guardiani).

L’origine del Castello va collocata tra il IX e X sec., allorché i grandi comuni medievali come Gubbio costruirono centri fortificati a controllo del territorio.

Petroia, a differenza di tanti altri Castelli, è stato nei secoli sempre abitata, consentendo alla struttura di conservarsi quasi interamente. Questo è uno dei motivi per cui il Castello è bene nazionale storico tutelato dalle belle arti.

Altro elemento di “merito” è quello di aver dato i natali, il 7 Giugno 1422, a Federico da Montefeltro, Duca di Urbino, tra gli uomini più influenti del Rinascimento italiano.

Pittori come il Perugino e Piero della Francesca hanno raffigurato nelle loro opere un paesaggio che si rivede ancora oggi tra le valli che circondano il Castello:


300 ettari tra boschi e prati ove è possibile incontrare bovini di razza Chianina al pascolo. Inoltre una graziosa piscina immersa nel verde e tra le piante di ulivo accoglie gli ospiti.


 LA STORIA - LA STRUTTURA - IL PARCO E LA PISCINA